La nostra storia

Le origini

 

Il circolo Arcigay di Trento (anzi, "Arci gay" all'epoca!) nasce formalmente il 19 gennaio 1994 con sede a Villa Lagarina, sopra la discoteca Maurice, prima discoteca gay in Trentino. A fondare l'associazione sono Alessandro Fumanelli (che sarà anche il primo presidente), con Flavio Conci, Marco Foletti, Vincenzo Vaino, Alberto Battarelli, Maddalena Pegoretti e Walter Wegher. Assieme a loro altri "pionieri", come William Belli, Veronica Conci, Terzo Molari e Camillo Nardelli.

 

Già in precedenza, nel corso degli anni Ottanta, la comunità LGBTI+ trentina aveva cercato di costruire una propria identità, frequentando le iniziative organizzate in altre città italiane e costituendo il gruppo informale "Le lucciole".

 

Il trasferimento a Trento

 

Dopo circa un anno, la sede viene trasferita a Trento nei sotterranei del primo bar gay della città, l'Holllywood di via Suffragio. Lì si svolgono le prime riunioni del direttivo e si decidono le prime azioni da intraprendere.

 

Nel 1995 cominciano i primi cineforum a tematica gay, lesbo, trans in collaborazione con l'associazione universitaria A.S.U.T.  In quell'anno l'associazione organizza il primo dibattito sul tema dell'omosessualità con Franco Grillini, presidente dell'Arcigay nazionale, ed esponenti politici locali trentini e bolzanini. 

 

Nell'autunno del 1996 Arcigay ottiene dal Comune di Trento, insieme ad altre associazioni culturali e sociali, una sede collettiva in Piazza Mostra, sopra l'allora Galleria Civica. Alla serata di inaugurazione partecipano un'ottantina di persone gay, lesbiche e trans.

 

Lo statuto dell'associazione prevedeva che il direttivo fosse rinnovato ogni anno. Ad Alessandro Fumanelli succede quindi Terzo Molari, seguito poi da Enrico Oliari. Oliari, che rimarrà in carica 3 anni, riesce a dare grande visibilità all'associazione. Collabora con una radio bolzanina proponendo una trasmissione a tematica LGBTI+  e fa nascere la rivista "il Dis/eguale".

 

È nella sede di Piazza Mostra che nascono le iniziative di sensibilizzazione che vengono proposte in quegli anni alla cittadinanza trentina: presentazioni di libri, cineforum, dibattiti e un incontro con Paola Dall'Orto, all'epoca presidente dell'Agedo.

 

Dalla città ai territori

 

Nella seconda metà degli anni Novanta, Arcigay del Trentino si impegna a portare le proprie iniziative nelle valli, ad esempio a Taio, Tassullo, a Rovereto. A Daiano, Riva e Dro vengono invece organizzate feste LGBTI+ che richiamano persone dal Veneto, dalla Lombardia, dall'Alto Adige e dall'Austria.

 

Nel 2000 la sede del circolo Arcigay si trasferisce in via Veneto, in una spazio concesso in comodato dal Comune e condiviso con Arcilesbica del Trentino. In questi anni proseguono e si approfondiscono i rapporti con le altre associazioni del territorio e in particolare con la L.I.L.A. Presidente di Arcigay del Trentino è Michele Beozzo, che rimane in carica per due anni, sostituito poi da Michele Roner.

Il Roma World Pride e il nuovo nome

 

Il 2000 è anche l'anno del World Pride di Roma. Il comitato di Trento partecipa in massa alla manifestazione dell'8 luglio e decide di fissare quel momento adottando quella data come nome del circolo (che da quel momento e fino al 2016 si chiamerà per l'appunto "8 luglio - Circolo Arcigay del Trentino". 

 

Negli anni successivi proseguono le collaborazioni: a livello nazionale con il Genova Social Forum nel luglio 2001 e con il Firenze Social Forum nel 2002; a livello locale con la costituzione della Rete locale trentina di Lilliput. Arcigay partecipa poi alla stesura del nuovo statuto della città di Rovereto in chiave anti-discriminazione. Assieme all'amministrazione della città della Quercia lavora per l'istituzione del registro delle unioni civili, senza però raggiungere il risultato. 

 

In questi anni si irrobustiscono i rapporti con Arcilesbica, assieme alla quale vengono organizzate la maggior parte delle iniziative, e con Centaurus - Arcigay Bolzano. Sono gli anni delle serate LGBTI+ alla discoteca Melody di Laghetti di Egna, una formula che riesce a richiamare persone da tutta la regione.

Una nuova casa in Largo Nazario Sauro

 

Nell'autunno 2004 la sede dell'associazione si sposta in Largo Nazario Sauro, in una stanza messa a disposizione dal Comune e condivisa con Arcilesbica. Arcigay del Trentino diventa Comitato provinciale, con un nuovo statuto che garantisce l'autonomia organizzativa e gestionale dell'associazione.

 

Nel 2005 diventa presidente Stefano Cò. Prosegue la battaglia politica per il riconoscimento della dignità e dei diritti delle coppie LGBTI+, coronata nel 2007 dall'istituzione del Registro delle Unioni Civili presso il Comune di Trento. Dalla collaborazione con altre realtà del territorio nasce poi "UniverInversi", la rassegna di eventi organizzata annualmente in occasione della Giornata Internazionale contro l'omo-bi-transfobia.

 

Sono tante le iniziative promosse in questi anni:

  • una mostra sull'omocausto durante la Giornata della Memoria
  • seminari sulla religiosità delle persone LGBTI+ in collaborazione con le comunità protestante e valdese
  • volantinaggi nelle strade e nelle piazze
  • cineforum al CSO Bruno, alla Circoscrizione S. Giuseppe - S. Chiara e poi al cinema Astra
  • assemblee d'istituto in numerose scuole trentine
  • il teatro dell'oppresso con la compagnia di Verona "Il dado"

Proseguono anche le presentazioni di libri a tematica LGBTI+, con, fra gli altri, Franco Grillini, presidente onorario di Arcigay, Gianni Di Martino, scrittore e storico del movimento gay, Piergiorgio Paterlini, scrittore e giornalista, autore del fondamentale per la cultura gay italiana "Ragazzi che amano ragazzi", Stefano Bolognini, dell'ufficio stampa dell'Arcigay, Bert D'Arragon e Maura Chiulli, responsabili cultura per Arcigay nazionale, Pier Maria Bocchi, critico cinematografico, collaboratore di riviste di cinema e autore di un libro sul "Cinema Queer", Giorgio Ghibaudo, del Comitato di Torino.

 

Continua anche l'organizzazione di serate nei principali locali del Trentino, come la discoteca Rosalpina di Villazzano, il disco-pub Lidò di Caldonazzo, l'Eye Disco Club, il Trent8 e il Gasoline di Trento.

 

Il lavoro con le istituzioni ha permesso poi di ottenere nel 2010 l'approvazione di  un ordine del giorno/mozione del Comune di Trento contro le discriminazioni e sulla giornata contro l'omo-bi-transfobia. L'impegno del Comune si è poi concretizzato a partire dal 2012 nel sostegno costante alla Giornata del 17 maggio e ai suoi eventi.

Il Firmalove e la legge di iniziativa popolare contro l'omo-bi-transfobia

 

Nel 2012, dopo un anno come vice, è eletto presidente Diego Ammirabile. Il nuovo presidente si dedica, in particolare, a promuovere la socializzazione delle persone LGBTI+, specie fra i più giovani, e rilancia i progetti nelle scuole. 

 

Proseguono a livello locale le iniziative di dibattito sulla legislazione contro le discriminazioni, sulle coppie LGBTI+ e sull'omo-bi-transfobia. Alcuni appuntamenti sono organizzati con gli studenti di Giurisprudenza dell'E.L.S.A. Si avvia in questi anni anche la collaborazione con il Centro Studi interdisciplinare di genere della Facoltà di Sociologia (oggi Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale).

 

Nell'autunno del 2012, insieme ad Arcilesbica "L'Altra Venere" promuoviamo una raccolta firme a sostegno di una legge provinciale di iniziativa popolare contro l'omofobia e la transfobia, scritta con l'avvocato e ricercatore, esperto a livello europeo di tematiche LGBTI+, Alexander Schuster.

 

In pochissimi mesi il comitato "Firmalove!" ha raccolto oltre 7.000 firme e la legge è stata portata in discussione in IV Commissione da Paolo Zanella, primo firmatario, che ha assunto nell'aprile del 2013 la presidenza dell'associazione. La linea politica del nuovo direttivo prevedeva:

  • una stretta collaborazione con Arcilesbica del Trentino, la cui presidente, Michela Papette, è entrata nel consiglio direttivo stesso;
  • l'organizzazione di importanti eventi culturali, come la settimana di eventi contro l'omofobia "Liberi e libere di essere" con la partecipazione della filosofa Michela Marzano;
  • la collaborazione/pressione con/sulle forze politiche locali per portare all'approvazione la legge di iniziativa popolare contro omo e transfobia.

Il percorso della legge di iniziativa popolare, pur forte del sostegno dei 7.000 cittadini e cittadine che hanno firmato la proposta, è irto di ostacoli: da una parte l'ostruzionismo cieco e insensato delle minoranze, dall'altra la scarsa convinzione con cui una parte della maggioranza supporta il provvedimento. La proposta di iniziativa popolare viene dapprima unita a un disegno di legge a firma del consigliere Pd Mattia Civico e poi trasformata in una mozione che impegnava la Giunta solo per la legislatura in corso. In quella forma viene approvata nel maggio del 2016.

Svegliatitalia: verso le unioni civili

 

Contemporaneamente si moltiplicano in Italia le manifestazioni a favore della legge sulle unioni civili, che arriva nell'aula del Senato a febbraio 2016 con un DDL firmato dalla senatrice del PD Monica Cirinnà.

 

Anche Trento fa la sua parte, con una manifestazione il 23 gennaio di quell'anno a cui partecipano oltre 1.000 persone.

 

La legge, inizialmente supportata da una maggioranza trasversale che comprendeva parlamentari del Movimento 5 stelle, viene poi approvata con i soli voti dei partiti di governo e con lo stralcio della stepchild adoption, cioè  la possibilità di adottare il figlio naturale del partner.

9 giugno 2018: il Dolomiti Pride

 

Nell'autunno del 2017, il direttivo di Arcigay del Trentino lancia pubblicamente l'idea di portare il pride a Trento.

Da alcuni anni i pride in Italia hanno assunto la forma dell'Onda Pride: non un unico corteo nazionale, ma tanti cortei in numerose città italiane. La nostra regione non aveva però ancora mai ospitato una manifestazione di questo tipo.

 

La macchina organizzativa si avvia quindi già a fine 2017, con gli incontri al Comune di Trento per individuare la data per la manifestazione.

 

Durante i mesi che precedono la parata, si svolgono in tutta la regione (nelle città di Trento e Bolzano, ma anche nelle valli più periferiche) oltre 80 eventi in preparazione al pride. Incontri pubblici, presentazioni di libri, cineforum, dibattiti mostre e momenti di spettacolo.

 

Suscita numerose polemiche la scelta della Giunta provinciale di Trento di negare il patrocinio al Dolomiti Pride, adducendo motivazioni pretestuose che la cittadinanza trentina mostra di non condividere. A fronte del diniego della Provincia di Trento, saranno numerosissime le istituzioni che concederanno invece il patrocinio, a volte attivandosi autonomamente per farlo. Fra queste la Provincia di Bolzano, i comuni di Trento, Bolzano e Merano, le Università di Trento e Bolzano.

 

Il 9 giugno la partecipazione al corteo è massiccia, con oltre 10.000 persone che sfilano per le strade della città. Il corteo termina al parco "Fratelli Michelin", in zona Le Albere, dove si svolge la grande festa con i discorsi ufficiali e oltre 20 artisti sul palco.

Il nuovo direttivo

 

Nell'autunno del 2018, Arcigay del Trentino torna a congresso. Il nuovo direttivo è composto da Lorenzo De Preto (presidente), Valeria Occelli (vicepresidente), Vittorio Bonino, Nicola Gretter e Daniele Santuliana.

 

La mozione approvata dal congresso ("L'arcobaleno sopra il Trentino") impegna Arcigay del Trentino a lavorare su diversi fronti:

  • salute
  • famiglie
  • scuola e formazione
  • giovani e senior
  • università e lavoro
  • donne
  • identità di genere
  • queer e non binarismo
  • cultura e socializzazione
  • supporto e orientamento
  • periferie
  • migranti
  • rapporti con le istituzioni
  • carceri
  • sex worker
  • disabilità