LIBERI E LIBERE DI ESSERE 2021


Programma sintetico



Programma esteso


MARTEDÌ 4 MAGGIO - ore 20.30 / 22.30

 

BISESSUALITÀ: CONOSCERE PER NON DISCRIMINARE

 

Online su

Perché parlare delle bisessualità?

Poiché episodi di cancellazione e messa in discussione dell'identità bisex avvengono anche all'interno delle stesse associazioni LGBT* (per radicati pregiudizi nei confronti delle persone bisessuali e per una carenza di discussioni e formazione sull'argomento). In questo circolo vizioso le persone bisex fanno fatica a fidarsi e più aumenta la sfiducia più le persone bisex finiscono per allontanarsi. Conoscere e discutere di bisessualità è un primo importante passo per dare rilevanza e riconoscimento a chi si riconosce in questo orientamento sessuale. 

La formazione di Pennini, in dialogo con il dott. Castro sarà aperta a tutt*: persone bisex e non, attivist* o chiunque altro voglia conoscere meglio questa realtà e costruire assieme contesti più accoglienti e inclusivi. 

 

Ospite: Ilenia Pennini, attivista della Rete Donne Transfemminista di Arcigay.

Da anni si occupa di benessere delle persone LGBT+ e di tematiche legate alle persone B+, alle forme di discriminazione e alle non monogamie etiche.

 

Modera: Aurelio Castro, Ricercatore in Scienze Sociali specializzato in studi sull'orientamento sessuale, le maschilità e le narrazioni. Attivista Bi+, dal 2015 fa divulgazione e interventi in associazioni LGBTQIA+ sui suoi temi di ricerca e, in particolare, sulle bisessualità e orientamenti Bi+.

 

Introduce: Mario Caproni, Presidente di AGEDO Trento


MERCOLEDÌ 5 MAGGIO - ore 20.00 / 21.00

 

LE SEMPLICI COSE, INCONTRO CON L'AUTORE MASSIMILIANO DE GIOVANNI

 

Online su

Evento trasmesso grazie all’ospitalità della Libreria Due Punti, via San Martino, 78 Trento

 

Enrico e Matteo hanno quarant’anni e desiderano diventare genitori. Il loro rapporto è stabile, si sono da poco uniti civilmente, così si rivolgono a un’agenzia di surrogacy californiana e conoscono Melanie, disposta a portare avanti una gravidanza per loro.

La maternità surrogata è di per sé un cammino complesso, ma Enrico e Matteo devono scontrarsi anche con il pregiudizio di chi li circonda, di chi li ama ma non va comunque oltre il rifiuto, di chi accetta l’omosessualità ma non tutto ciò che questa comporta.

L'ostacolo più grande da sconfiggere è però la leucemia di Matteo, che all’improvviso mette tutto in discussione, la ricerca di un figlio, il rapporto con Enrico, i progetti di tutta una vita. Ma la malattia può essere anche un’occasione per ricucire amicizie e incomprensioni familiari.

Una commovente storia d’amore che indaga su un tema che scuote e divide, rivelando uno dei nervi scoperti più insidiosi della nostra società.

Questa graphic novel non parla solo del desiderio di due uomini di diventare genitori, ma anche dei pregiudizi e delle difficoltà economiche che questo comporta.

Con delicatezza e disegni molto evocativi, ci viene raccontata la lotta di due uomini che si amano, ma a cui la vita dà il metaforico calcio nel sedere, e nonostante il loro sentimento sia forte e saldo, nessuno dei due sa se ne uscirà integro. Di sicuro ne usciranno cambiati. Ma sarà proprio di fronte a problemi così giganteschi che entrambi capiranno che sono “le semplici cose” a fare la differenza. Le cose piccole e quotidiane, quell’insieme di attimi di serenità che contraddistinguono una persona felice e che ci permettono di vedere la luce in fondo a quel tunnel di disperazione.

 

Dove acquistare il libro: www.lafeltrinelli.it/libri/semplici-cose/9788807550409.

 

Ospite: Massimiliano De Giovanni è fumettista, saggista e docente. È stato il primo autore italiano a parlare apertamente di omosessualità in un graphic novel con: "The Fag Hag", "Matteo e Enrico – L'integrale" ecc È considerato l'artefice dell’invasione dei manga in Italia con "Kappa Edizioni". Ha pubblicato graphic novel e activity book per Edizioni Star Comics, Kappa Edizioni, Kappalab, Dargaud Benelux, Giunti Junior, Mondadori e per i Classici del Fumetto Serie Oro del quotidiano “la Repubblica”. Dal 2006 insegna Scrittura creativa e Narrazione per immagini all’Accademia di Belle Arti di Bologna. I suoi fumetti sono tradotti in Francia, Belgio e Spagna. Per Feltrinelli Comics ha pubblicato "Le semplici cose" (2019).

 

Modera: Enrico "Nebbioso" Martini, è da anni attivo come scrittore e sceneggiatore. Ha fondato Cyrano Comics. Collabora con diverse  realtà editoriali e scrive per la pubblicità e la narrativa, partecipando a diverse antologie di racconti. Nel 2020 esce per Tunué La banda nel pallone scritto con Loris De Marco.

 

Introduce: Giuseppe Lo Presti, Referente esterno di Famiglie Arcobaleno del Trentino Alto Adige.

 


SABATO 8 MAGGIO - ore 18.00 / 19.00

 

LIBERƏ E LIBERU DI ESSERE: IL LINGUAGGIO INCLUSIVO È DAVVERO IMPORTANTE?

 

Online su

Avvocate e architette, asterischi e desinenze neutre: il politically correct vuole distruggere la purezza della lingua italiana e la libertà d’espressione “secondo le regole della grammatica”? Cercheremo di rispondere a queste (e a tante altre) domande provocatorie assieme a due ospiti d’eccezione: la sociolinguista Vera Gheno e l’attivista transgender, non binary e queer Majid Capovani.

 

Da qualche anno, il dibattito sul rapporto tra linguaggio e genere e sull’opportunità di accettare diverse innovazioni linguistiche all’interno dell’italiano infiamma le piattaforme social. Questo evento mira a creare un momento di confronto rispettoso e di ascolto – ascolto non solo di opinioni scientifiche autorevoli, ma, soprattutto, di esperienze di vita reali. Tutte le persone interessate a saperne di più sono invitate a partecipare: durante l’incontro sarà infatti possibile esprimere osservazioni, critiche, porre domande allə nostrə ospiti. 

 

Come comunità LGBT+, come persone alleate e come esseri umani, fermiamoci un attimo per ragionare sull’importanza e sul potere delle parole: la parola può infatti essere uno strumento primario di riconoscimento delle facoltà esistenziali e sociali di tutte quante le persone.

 

Ospiti:

  • Vera Gheno è una sociolinguista specializzata in comunicazione digitale, docente universitaria e traduttrice italiana. È stata per vent’anni collaboratrice dell’Accademia della Crusca. È autrice di libri come Social-linguistica (2017), Potere alle parole (2019), Femminili singolari (2019), Prima l’italiano (2019), Parole contro la paura (2020).
  • Majid Capovani è un attivista transgender, non binary e queer, si occupa di numerose tematiche, tra cui diritti LGBT+, linguaggio inclusivo, antirazzismo e femminismo. Fa parte del collettivo Sono L'Unica Mia e dell’associazione Genderlens ed è autore per il giornale online Intersezionale.

 

Modera: Andrea Zoller, insegnante di italiano, attivista per i diritti delle minoranze linguistiche

 

Introduce: Lorenzo de Preto, Presidente di Arcigay del Trentino


MARTEDÌ 11 MAGGIO - ore 18.30 / 20.30

 

DOCENTI QUEER. COSA SUCCEDE QUANDO A FARE COMING-OUT È LA FIGURA EDUCANTE?

 

Online su

Certe volte – dice un insegnante – mentre sto parlando alla classe, mi interrompo a metà della frase, giusto per controllare se quello che sto per dire non possa, in qualche modo, rivelare troppo di me”.

La cronaca ha spesso raccontato (anche recentemente nella nostra Trento) episodi di ingiusto licenziamento ed esclusione lavorativa subiti da insegnanti LGBT* a seguito del loro coming-out. 

Ma quali sono le reali preoccupazioni di un/a educatore/trice LGBT* di fronte alla possibilità di fare coming-out? 

ll coming-out può incidere nel rapporto con gli/le studenti/esse e le loro famiglie? Se sì, come?

E poi, come possiamo creare ambienti di lavoro (anche scolastici) sicuri, liberi da pregiudizi e stereotipi?

Cercheremo di rispondere a queste domande grazie all’esperienza diretta e alla testimonianza dei/lle nostri/e ospiti, condividendo buone prassi utili a chiunque operi nel contesto scolastico. 

 

Ospiti:

  • Valentina Millozzi, Docente e attivista di Centro studi per la Scuola Pubblica (CESP)
  • Davide Zotti, Docente e attivista di Centro studi per la Scuola Pubblica (CESP)
  • Caterina Di Loreto, Educatrice e attivista di Scuola e Formazione Cassero
  • Alessandro Bottaro, Educatore e attivista di Stonewall 
  • Marino Porta, attivista Arcigay e insegnante. Da anni porta formazioni e percorsi educativi sulle tematiche LGBT* e il valore dell’inclusione nelle scuole di ogni ordine e grado pugliesi. In particolare, ha la fortuna di rivolgersi a classi composte da insegnanti come lui: maestri/e, professori/esse volenterosi di conoscere come poter creare un ambiente inclusivo per tutti/e i/le proprie studenti. 

 

Modera: Valeria Roberti, Formatrice, facilitatrice di Centro Risorse LGBTI

 

Introduce: Valeria Occelli, Vicepresidente di Arcigay del Trentino


LUNEDÌ 17 MAGGIO - ore 9.45 e 18.40

 

Trasmesso su Radio NBC

 

L'ABC DELLA PACE - A COME "AMORE LIBERO"

 

Il Forum trentino per la pace e i diritti umani partecipa a L&L con la prima puntata del ciclo radiofonico “Trent’anni in pillole, dalla A alla Z”, in onda su radio NBC dal 17 maggio al 6 giugno, alle 9.45 e in replica alle 18.40, nel contesto delle iniziative per il trentennale del Forum. Si è scelto infatti di far coincidere l’avvio del programma con la Giornata internazionale contro l'omo-bi-transfobia, proponendo una riflessione sul tema: “Amare, liberamente”. Il ciclo proseguirà poi con altre 20 “pillole” quotidiane, attraversando l’alfabeto e 30 anni di impegno per la pace e i diritti.

Iniziativa realizzata in collaborazione con Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani.

Credits: testi a cura del Consiglio della pace; al microfono Antonella Fittipaldi.

 

 


LUNEDÌ 17 MAGGIO - ore 20.30 / 21.45

 

“SIGNORINA”, INCONTRO CON L’AUTRICE CHIARA SFREGOLA

 

Online su

Evento trasmesso grazie all’ospitalità della Biblioteca Comunale di Mori. 

 

Dall’11 maggio 2016 le unioni civili sono legge. E se sul matrimonio è stato scritto molto e sulle donne altrettanto, sulle donne che hanno deciso di sposarsi fra loro si sa molto meno.

A riempire con la sua intelligenza questo vuoto, arriva Chiara Sfregola che, a partire dalla sua esperienza di lesbica, di femminista e di moglie, racconta con un passo a metà tra saggistica e memoir cosa è stato storicamente e cosa sta diventando, oggi, il matrimonio.

La sfida di questo libro è rispondere alle tante domande che affollano il dibattito pubblico. 

Per esempio: se il matrimonio nasce come istituzione che limita la libertà delle mogli, qual è il senso del matrimonio fra due donne? Come si può reinventare, fra pari, quello che è sempre stato, storicamente, un rapporto di sottomissione? Se non vuoi avere dei figli, cosa ti sposi a fare? Che succede ora che una femminista può sposare una sua “collega”? La risposta possibile è una: succede che il matrimonio va a un corso di aggiornamento.

Perché se le donne cambiano, anche il matrimonio deve cambiare. Una lettura indispensabile per capire i nuovi modelli di famiglia e inventarne di nuovi.

 

Ospite: Chiara Sfregola è  nata a Terlizzi (BA) e cresciuta a Barletta. Da tanti anni vive a Roma e lavora in Cattleya, dove si occupa di serie televisive come delegata di produzione. Oltre a “Signorina” ha scritto “Camera single. La fisioterapia del cuore”, Leggereditore, 2016. www.chiarasfregola.it.

 

Modera: Serena Marchi è nata in provincia di Verona, è giornalista dal 2003, e la lavora da oltre quindici anni come addetta stampa di una multiutility. Nel 2015 pubblica il suo primo libro “Madri, comunque” (Fandango Libri) e inizia a occuparsi di tematiche femminili. Sempre con Fandango pubblica nel 2017 “Mio Tuo Suo Loro” e nel 2019 “Pink Tank”. www.serenamarchi.it.


VENERDì  21 MAGGIO - ore 18.30 / 20.00

 

CORPI DIGITALI: LA VIOLENZA ONLINE IN PROSPETTIVA INTERSEZIONALE

 

Online su

Evento co-organizzato con Commissione Pari Opportunità fra donna e uomo della Provincia autonoma di Trento.

 

In quale modo si manifesta la violenza di genere online? Quali sono le sue caratteristiche? 

In questo incontro parleremo del modo in cui la cultura eterosessista e misogina si tramuta in forme di violenza digitale e del continuum fra l’online e l’offline. Adotteremo una lente intersezionale per guardare al fenomeno, concentrandoci in particolar modo sulla matrice comune dell’esperienza delle donne e delle persone lgbtiq+. 

Ragioneremo insieme sulle strategie per arginare i discorsi d’odio e la violenza online, partendo dalla promozione di un linguaggio non violento ed inclusivo, fino ad arrivare alla responsabilità dei social network. 

 

Ospite: Isabella Borrelli, è Digital Strategist per Latte Creative e attivista femminista intersezionale e LGBT+. Per Ladynomics è una delle “140 femministe italiane” del 2019, per Startup Italia una delle “1000 donne che stanno cambiando l’Italia”. Collabora come digital strategist per campagne di advocacy. Con il team Decretiamo Parità avanza una proposta di emendamento al Decreto Rilancio in materia di congedo parentale.

 

Conduce: Dott.ssa Carla Reale, Componente della Commissione Provinciale Pari Opportunità tra donna e uomo. Dopo la laurea in giurisprudenza, ha conseguito dottorato di ricerca cum laude in Studi Giuridici comparati europei presso l'Unitn. Attualmente è assegnista di ricerca in diritto costituzionale comparato. Si occupa di diritto e genere, diritti lgbt*, disabilità e questioni identitarie. Collabora con il Progetto Biodiritto.

 

Introducono: Paola Taufer, Presidente Commissione Provinciale Pari Opportunità tra donna e uomo, Valeria Occelli, vice-presidente  Arcigay del Trentino.


SABATO 22 MAGGIO 18.00 /20.00 

 

“E VISSERO FELICI E CONTENT*”, STORIE DI LETTERATURA INCLUSIVA PER L’INFANZIA INCLUSIVA

 

Online su

Evento co-organizzato con Centro Studi di Genere dell'Università degli Studi di Trento.

 

Chi l’ha deciso che la principessa attenda il suo cavaliere per essere tratta in salvo?

In un mondo di Re, gagliardi combattenti e saggi maghi perché la “fatina” viene relegata a personaggio di contorno?

Ma la domanda reale a cui questo evento cerca rispondere è: quale mondo bambini e bambine possono immaginare se i libri che regaliamo loro sono specchio di radicati stereotipi e pregiudizi di genere?

Grazie alle nostre ospiti impareremo a conoscere il lavoro e l’impegno di chi quotidianamente lavora per scrivere, produrre e distribuire racconti per l’infanzia inclusivi. 

L'evento è realizzato grazie alla collaborazione con Centro Studi di Genere dell’Università di Trento.

 

Ospiti: Sara Marini, attivista transfemminista, tra le fondatrici dell'associazione SCoSSE, per la quale porta avanti, tra gli altri, i progetti di ricerca e formazione "Leggere Senza Stereotipi" e "Fammi Capire". È esperta di educazione al genere nell’infanzia e rappresentazioni di genere, dei corpi e delle sessualità nell’illustrazione e nell’editoria per infanzia e giovani adult*.

 

Introduce e porta la sua testimonianza: Giuseppe Lo Presti, referente esterno di Famiglie Arcobaleno del Trentino AA

 

Modera: Alessia Tuselli, Post-doctoral researcher in sociologia, metodologia e studi di genere presso CSG- centro studi di genere di Unitn.


GIOVEDÌ 27 MAGGIO - ore 21.00 / 22.00

 

IL VICINISSIMO ORIENTE - LA CONDIZIONE DEI DIRITTI LGBT* IN POLONIA ED EST EUROPA

 

Online su

Da alcuni anni molti paesi dell’Est Europa legiferano apertamente contro la comunità LGBTI, con norme escludenti delle minoranze sessuali e in contrasto con i valori promossi dalle istituzioni europee. Tra questi, Polonia, Ungheria e Lituania allarmano particolarmente in quanto stati membri dell’Unione Europea. 

Dalla Polonia abbiamo ciclicamente avuto notizia delle politiche omofobe impartite dal governo sovranista in carica, delle municipalità e regioni autodefinitisi “LGBT-free” e della recente decisione della Corte Costituzionale di restringere il già limitato accesso all’aborto. Negli ultimi mesi, la fondazione ultracattolica Życie i Rodzina (Vita e famiglia) ha presentato al parlamento una legge di iniziativa popolare denominata “STOP LGBT”, corredata da 200mila firme (il doppio di quelle necessarie) per vietare le parate dei Pride e le richieste per una legge sulle unioni civili o sulle adozioni da parte di coppie formate da persone dello stesso sesso. Se slogan come “il matrimonio è solo tra un uomo e una donna”, “una Nazione libera dall’ideologia LGBT” vi suonano familiari (ahinoi) è motivo di preoccupazione anche per la comunità italiana.

Ne parleremo con Yuri Guaiana  e Magdalena Dropek. Un occasione per conoscere, comprendere e (saggiamente) prevenire grazie al duro e coraggioso lavoro di chi vive le vicende della comunità LGBT polacca.

 

Ospiti:

  • Yuri Guaiana è attivista per i diritti umani. È membro del direttivo di Certi Diritti e membro del Board di ILGA World. Nel 2012 ha lanciato e curato per due anni la rubrica settimanale Fuor di pagina, la rassegna stampa di Certi Diritti su Radio Radicale. Dal maggio 2016 lavora per l'associazione internazionale LGBT+ All Out di cui è senior campaigns manager. Nel 2018 ha contribuito a creare LGBTI Liberals of Europe, di cui è attualmente membro della Board.
  • Magdalena Dropek è un’attivista polacca laureata in filologia e giornalismo all’Università Jagellonica di Cracovia. Per 10 anni è stata redattrice del principale portale LGBT polacco, QUEER.PL. Dal 2012 è co-organizzatrice del Queer May Festival e dell’Equality March di Cracovia e dal 2013 è membro del board della fondazione Equality.org.pl, che si occupa della comunità LGBT e di attività antidiscriminatorie in piccoli centri urbani nel sud della Polonia. È membro del Consiglio per le pari opportunità di Cracovia e collabora con la deputata della coalizione di sinistra, Maciej Gdula.

Modera: Giacomo Bonetti, volontario di Arcigay del Trentino. Studia relazioni internazionali presso l’Università di Leiden (Paesi Bassi).

 

Introduce: Lorenzo de Preto, Presidente di Arcigay del Trentino.


MARTEDÌ 1 Giugno - ore 20.00 - 21.30

 

SEI COME 6! CONOSCERSI PER SCONFIGGERE IL PREGIUDIZIO

 

SmartLab - Centro giovani Rovereto, Viale Trento 47, Rovereto (TN)

 

Daniela, Lory, Tiziano, Laura, Ale e Giuseppe sono persone LGBT* che vivono nel nostro territorio. Porteranno la loro testimonianza, le loro storie personali in un incontro a sei voci per andare oltre i pregiudizi e i luoghi comuni su identità di genere e orientamento sessuale.

Un momento di confronto diretto, di dialogo e conoscenza durante il quale ascoltare dalla viva voce di chi è parte della comunità LGBT* locale cosa significa davvero essere minoranza sessuale a Rovereto e nel Trentino.  

 

L’evento è promosso da: Comune di Rovereto - Assessorato alla Cultura, in collaborazione con Cooperativa Smart.

Modera: Michela Marchi, insegnante e formatrice

Introduce: Lorenzo de Preto, Presidente di Arcigay del Trentino


GIOVEDÌ 3 Giugno - ore 19.30 / 21.00

 

"VERGOT" - PROIEZIONE DEL FILM E INCONTRO CON IL CAST

 

Cinema Multisala Astra, Corso Buonarroti 16, Trento

 

Gim, il minore dei due figli di una famiglia trentina, decide di fare coming out. Il padre, Renzo detto "Il Lupo", non la prende affatto bene e ne nasce una serie di conflitti piuttosto violenti in cui Alex, il fratello maggiore, si trova schiacciato tra il non deludere il padre portando avanti la “tradizione” e il parteggiare per il fratello minore.

“Vergot” è un film del 2016, prodotto e girato nella nostra regione e che racconta una storia analoga (purtroppo) a molte persone LGBT* trentine. Descrive Valli la cui “durezza” non è solo quella dei pendii, del dialetto ruvido e del clima; ma che traspare anche da valori e dalle convinzioni lì più diffuse. “Vergot”, però, è anche una pellicola che parla di fratellanza, di un aiuto inatteso e di legami che (per quanto tesi) riescono a non slacciarsi. 

 

Liberi & Libere di Essere torna con questo film in quello che è stato un luogo “storico” della propria storia: saremo ospiti del cinema multisala ASTRA di Trento, in compagnia della regista del film Cecilia Bozza Wolf e degli attori protagonisti per vedere insieme e commentare la coinvolgente storia di Gim, Alex e del padre “Lupo”. Per partecipare in presenza sarà necessario prenotare tramite le modalità presto divulgate.

 

Cecilia Bozza Wolf è nata a Trento, è regista e videomaker professionista. Attualmente sta girando il suo prossimo film, “Rispet”. Filmografia: "Se otto ore" (2012), "Non disturbo" (2015), "Metalmorphosis" (2015) e "Vergot" (2016).